Omizzolo Bruno

Omizzolo Bruno, nato a Foza il 19 febbraio 1921, morto in Russia (fronte del Don) il 21 dicembre 1942. In quei giorni, i reparti italiani cercavano di contrastare la massiccia offensiva dell’armata rossa in drammatiche condizioni di inferiorità di uomini, mezzi e armamenti, resistono fino alla metà di gennaio…inizierà da quella data la disastrosa ritirata, in totale resteranno sul fronte russo quasi 100.000 soldati italiani.

Palmira Marcolongo Mascareta

Vi racconterò adesso una storia incredibile: il 21 dicembre 1942, mia mamma, Marcolongo Palmira, stava salendo sul sentiero “dea Vaesea” che da valstagna arriva in località Piangrande. Era tornata in treno da Trento dove era stata ospite di parenti. Mentre camminava sente una voce che la chiama: “Ragazza, ragazza stai andando a foza” ? Mia mamma si ferma e risponde:”Certo!”. Chi la chiamava era un soldato in divisa il quale, raggiunta mia mamma, si presenta:”Sono un commilitone nonché il migliore amico di Omizzolo Bruno, sto tornando a Verona in licenza straordinaria a causa della perdita della cara mamma ma devo fare questo favore a Bruno: portare questa lettera a sua mamma, salutargliela e soprattutto tranquilizzarla, dicendogli che sta bene e non corre pericoli. Poiché non vedo l’ora di tornare a casa, potresti farmi tu questo grande favore?” Mia mamma rispose : “Certo, lo farò molto volentieri.” Ancor prima di recarsi a casa ai mascareti Palmira andò dalla mamma di Bruno, Isa Marcolongo Mascara, che rimase illuminata dalla buona notizia ma, contemporaneamente, piangeva e piangeva dicendo: “Il mio Bruno, il mio Bruno”. Circa due mesi dopo il messo comunale fa visita alla mamma di Bruno portandogli la triste notizia della perdita del suo amato figlio. Ironia della sorte la data del decesso era proprio il 21 dicembre.

ALBERTI DOMENICO

Elisa Marcolongo Mascara

Il padre di Bruno si chiamava Ettore Omizzolo, era sposato con Marcolongo Isa (mascara). Emigrarono in Australia subito dopo la guerra. Con loro l’altro figlio, Marcello “Marceo de a Isa”, che più volte ritornò a Foza ad incontrare i vecchi amici ed i parenti.

Agosto 1971, Marcello, il fratello di Bruno, con gli amici Orlando “Pierotto”, con gli occhiali, e Aurelio “Fornaro”, con la moglie Teresa.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error:
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.